ASSESSORATO LL.PP. – MANUTENZIONI – MOBILITÀ SOSTENIBILE E PROTEZIONE CIVILE

ASSESSORE: avv. Carlo Gungolo

Sede: Piazza XX Settembre, 25 (1° piano) – 70014 Conversano (BA)

Tel: 0804094.140

Orario: martedì 16.30 – 18.30

Linee Programmatiche di Mandato

(Tratto dalla deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 dell’08-08-2013, Approvazione indirizzi generali e linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare in corso di mandato: art. 46 dello Statuto comunale vigente a art. 46, comma 3, D.Lgs. n. 267/2000.)

La città deve mantenersi al passo con i tempi, deve saper prevedere i cambiamenti, deve essere moderna, deve sapersi innovare pur rispettando la propria storia che non và mai vista come un peso o una zavorra ma vissuta come una risorsa.
Le opere pubbliche devono essere concepite al fine di compensare le esigenze della città, stimolando i cittadini a seguire buone pratiche di vivere civile e dunque capaci di rendere più vivibile e più bella la nostra Conversano.
Ogni singola opera pubblica e intervento deve essere progettata ricercando la partecipazione con i cittadini e deve essere concepita a misura d’uomo e soprattutto di bambino, ponendo così l’essere umano al centro di ogni singola realizzazione e non vedendolo solo come utilizzatore o fruitore.

Opere a servizio delle attività produttive
Questo Assessorato dovrà porre particolare attenzione alla realizzazione di opere pubbliche che possano andare incontro alle mutevoli esigenze del comparto produttivo presente sul territorio e capaci di stimolare la nascita di nuove aziende. Dovrà essere garantita la manutenzione delle opere infrastrutturali presenti nelle zone p.i.p. e puntare al completamento di quelle urbanizzazioni di cui quelle zone risultano essere ancora prive ed in particolar modo, in tempi brevi, deve essere completata la rete del gas metano nella zona artigianale.
Particolare attenzione si dovrà porre alla realizzazione di opere strategiche per le nostre imprese agricole come l’acquedotto rurale, opera già finanziata e di cui dovrà portarsi a termine la realizzazione e a cui dovrà seguire l’immediato avvio della fase gestionale, nonché l’ammodernamento della rete viaria rurale.
Allo stesso tempo dovrà prevedersi la realizzazione di opere infrastrutturali a sostegno della zona industriale di Via Castellana al fine di rendere tale zona competitiva ed al passo con i tempi.

Opere a servizio del turismo
La nostra città, accogliente e pacifica per sua natura, deve soddisfare ogni esigenza e necessità che il turista può manifestare.
I luoghi dedicati per loro natura al turismo (centro storico e monumenti) devono essere facilmente raggiungibili e privi di ostacoli alla fruizione. Ad iniziare dal Castello e passando all’ex Monastero di San Benedetto bisognerà porre in essere interventi strutturali capaci di recuperare e rendere fruibili gli ambienti ed abbattendo le barriere architettoniche, dando così nuovi contenitori e nuovi spazi al fruitore turistico. Altrettanta cura nell’abbattimento delle barriere architettoniche deve tenersi su ogni piazza o villa ed in particolar modo interventi di recupero ed ammodernamento vanno posti in essere sulla Villa Garibaldi e Parco della Rimembranza.
La Pinacoteca cittadina ed il Museo Archeologico, in quanto parti del Polo Museale “MUSeCO”, devono essere ulteriormente potenziati e devono essere messi in rete con le altre Sezioni del polo che meritano di essere ospitate in spazi idonei alla loro importanza, recuperabili sia al secondo piano del Castello che all’interno dell’ex Monastero di San Benedetto.
Per una maggiore vivibilità della nostra città, sia da parte dei residenti che dei turisti, bisognerà ampliare il numero dei bagni pubblici individuando, di concerto con l’Assessorato al Patrimonio un sistema di gestione che garantisca la soddisfazione dell’utenza e preservi tali beni dai ripetuti atti vandalici.
Indifferibile è l’individuazione e la realizzazione di aree di sosta site sia nella città ed a servizio degli abitanti soprattutto del centro storico e delle zone prive di vincoli a parcheggio, nonché nella periferia della città e collegate con il centro tramite percorsi pedonali dedicati o bus navetta (Park & Ride).

Opere a servizio dell’istruzione e dello sport
Gli impianti sportivi e le opere pubbliche dedicate allo sport devono essere puntualmente mantenute al fine di essere sempre efficienti e disponibili all’elevata utenza.
Dovrà portarsi a termine la realizzazione del terzo palazzetto dello sport dedicato alla pallavolo e alla pallacanestro e previsto presso “Largo Falconieri” in modo tale da poter dare un luogo idoneo anche per la pratica di tali attività sportive. Si provvederà inoltre ad intervenire presso il campo sportivo ”Peppino Lorusso” per migliorare la struttura e ottimizzare lo sfruttamento degli spazi.
Inoltre sarà importante migliorare le strutture e le infrastrutture delle palestre scolastiche e dei campetti di periferia che, se dotati di locali spogliatori e bagni pubblici potrebbero essere meglio utilizzati dalle associazioni sportive.
Per quanto riguarda la frazione di Triggianello invece, dovrà essere completato il campetto da calcetto ivi realizzato, con la previsione di idonei locali spogliatoi e bagni.
Sul fronte scolastico bisognerà continuare nella ricerca della sicurezza dei ragazzi. L’obiettivo è raggiungibile proseguendo il cammino degli interventi di messa in sicurezza dei Plessi Scolastici, anche grazie alle iniziative intraprese sull’efficientamento energetico. Gli edifici scolastici devono essere ristrutturati con interventi che mirino alla riduzione dei consumi energetici in modo tale da coniugare confort e sicurezza di tali luoghi, ad una riduzione dei costi di gestione degli stessi.
Fondamentale è il recupero al patrimonio edilizio scolastico del plesso di Via Sassari, utile non solo per alleggerire il carico di utenza a cui sono sottoposti gli altri plessi scolastici ma, soprattutto, per rendere maggiormente vivibile una parte importante della nostra città. Parimenti importante è l’ottenimento del finanziamento del quarto stralcio della scuola di Via Guglielmi così da completare l’idea progettuale iniziale di tale scuola.
Il progetto Bicibus deve essere mantenuto e potenziato nella convinzione che le nostre scuole si possono raggiungere anche in bicicletta. Per far ciò bisognerà comunque proseguire nel realizzare nuovi percorsi sicuri che consentano ai ragazzi ed ai loro genitori di muoversi in totale libertà e con piene garanzie di sicurezza.
Sempre a beneficio dei ragazzi gli istituti scolastici devono essere tutti dotati di aree con Wi-Fi libero, così da consentire agli studenti di scaricare materiale didattico utile per le loro ricerche ed i loro studi.

Opere a servizio del sociale
Il recupero della struttura ex Gil è un esempio concreto di come possono essere realizzate opere pubbliche a servizio ed a supporto delle fasce di cittadini più deboli. Tale opera pubblica deve essere ultimata nel rispetto del disciplinare regionale e deve essere garantito l’immediato avvio della struttura di concerto con l’Assessorato ai Servizi Sociali.
Pari attenzione va posta agli ambienti che ospitano l’asilo nido che meritano una puntuale manutenzione nonché la previsione di interventi che migliorino ulteriormente la sicurezza dei piccoli utenti.
Entro la fine del mandato dovranno essere individuati idonei ambienti per ospitare gli uffici dei servizi sociali o si dovrà provvedere ad una radicale ristrutturazione degli spazi oggi occupati al fine di renderli facilmente accessibili all’utenza ed efficienti per l’attività che lì vi si svolge.
Il successo conseguito con la realizzazione del centro diurno per gli anziani sito in P.zza Battisti và doppiato con la realizzazione di un secondo centro posto in altra zona dell’abitato in modo da venire incontro all’aumentata esigenza.
Altrettanto importante, ed ormai improcrastinabile è l’ampliamento e l’ammodernamento del nostro cimitero comunale. Negli ultimi due anni appena passati sono state espletate le procedure di programmazione e progettazione dell’importante opera di ampliamento pertanto nell’immediato si dovrà procedere all’appalto dei lavori. Nel contempo, così come operato nel passato, si provvederà alla realizzazione di lotti di loculi d’emergenza al fine di poter sempre essere pronti ad eventuali ed improvvise esigenze.

Opere a servizio della vivibilità urbana
Una costante e quotidiana cura deve essere tenuta per la tutela del decoro urbano. Fondamentale risulta essere la realizzazione di un progetto organico di decoro che preveda l’installazione di complementi d’arredo urbano coordinati ed in sintonia con le peculiarità della città.
Bisognerà insistere nel ricercare la partecipazione dei cittadini della cura del decoro urbano sia dando agli stessi sistemi idonei ed immediati per segnare le richieste di manutenzione, sia ricercando le disponibilità dei privati per la gestione dell’arredo urbano.
Sempre per quanto concerne l’arredo urbano deve essere data attuazione al regolamento finalizzato a ricercare la partecipazione del privato nella realizzazione e nella cura delle piccole aree verdi e nei rondò dell’arredo urbano.
Nel tempo del mandato si deve ultimare la realizzazione delle necessarie opere infrastrutturali, strategiche e funzionali, che hanno conferito maggior prestigio ed un nuovo volto alla Città di Conversano.
I percorsi ciclabili ad esempio vanno ampliati ed ultimati in modo da rendere possibile una mobilità ciclabile capillare e sicura. La rete ciclabile inoltre, dovrà essere estesa alle periferie e ai percorsi rurali già previsti nel S.A.C., creando così una rete viaria anche con i comuni limitrofi.
Particolare importanza sarà riservata alla realizzazione di aree verdi attrezzate e protette per lo sport e il tempo libero in più zone della nostra città. Il tutto senza dimenticare anche spazi verdi protetti e riservati agli animali, creando un parco appositamente dedicato. Inoltre dovranno essere portate a completamento le opere previste dal finanziamento P.I.R.P. (3milioni di euro) e da quello recente della Rigenerazione Urbana (2milioni e 200 mila euro), già ottenuti e parzialmente utilizzati, in modo tale da continuare ad investire sul territorio per migliorare quartieri, reti viarie, spazi pubblici, rigenerare parchi urbani esistenti, nonché crearne dei nuovi.
Grande attenzione deve essere dedicata alla risoluzione dei problemi connessi all’assenza, in alcune parti della Città, di servizi e sistemi di rete (esempio fogna bianca, fogna nera e acquedotto).
Nell’ultimo mandato in modo incisivo, si è prestata attenzione alla risoluzione di questi problemi con importanti interventi ad esempio in via Monopoli, via Cartesio, via Machiavelli, via Orazio Flacco ecc., luoghi in cui in passato si sono verificati momenti di vera emergenza. Restano tuttavia alcune zone ancora prive di tali importanti infrastrutture, necessarie da un lato per vivere meglio e dall’altro per tutelare la sicurezza e la tutela del territorio (ad esempio zona via Italia, zona via Cremona, zona via Don Giovanni Bosco, zona via Poerio, zona via Castellana, Triggianello e zone periferiche della Città ormai prossime all’abitato, ma ancora prive di tali servizi).
Un occhio particolare si vuole dedicare alla frazione di Triggianello, alla sua vivibilità, ai suoi servizi, alla scuola, alle opere di urbanizzazione (ad es. marciapiedi e impianti idrico-fognari in varie zone come ad esempio in c.da San Pietro). L’opera più importante sarà il restyling della piazza principale per la quale è già previsto un finanziamento comunale di 150mila euro. La realizzazione della nuova piazza non può prescindere dalla programmazione di nuove aree parcheggio al servizio della frazione. L’amministrazione deve continuare nella fase di progettazione e successivamente di avvio dei lavori delle grandi opere infrastrutturali e strategiche quali l’interramento dell’intera linea ferroviaria cittadina e il completamento della circonvallazione per cui sono già stati avviati gli iter amministrativi presso i competenti enti interessati (Regione, Provincia, Ferrovie Sud Est).
In particolare il completamento della circonvallazione dovrà interessare il tratto nord-est della Città, collegando le direttrici per Monopoli, Polignano, Cozze e Rutigliano, consentendo in tal modo la deviazione del traffico pesante dall’interno del centro urbano.
Tra le opere in programma per i prossimi cinque anni deve essere portato a compimento l'ampliamento del canile, opera già finanziata dal Comune per un importo di circa 250mila euro.
L'ampliamento consentirà finalmente la trasformazione del rifugio in canile sanitario che permetterà la sterilizzazione dei cani, abbattendo ulteriormente il fenomeno del randagismo.

Protezione civile
E’ fondamentale che ogni comunità sia pronta ed organizzata ad affrontare situazioni di emergenza non solo per ottemperare alle imperative norme di legge oggi in vigore ma soprattutto per garantire in ogni momento la sicurezza dei propri cittadini.
Il nostro comune è dotato di un Piano di Protezione Civile ma ciò non può ritenersi esaustivo. Il piano va innanzitutto periodicamente aggiornato e vanno individuati con periodicità i responsabili delle singole funzioni. Inoltre dovranno programmarsi investimenti per l’addestramento del personale comunale e non (associazioni iscritte negli appositi albi regionali) che si occupa di protezione civile nonché dovrà prevedersi un investimento per l’allestimento dell’ufficio di protezione civile (oggi allocato al Comando dei Vigili Urbani) al fine di dotrarlo di apparati tecnici ed informatici utili a fronteggiare situazioni di emergenza.
Al contempo si dovrà avviare una campagna di informazione alla città, coinvolgendo le scuole e le realtà associative anche con simulazioni e prove pratiche.